Thumbnail - 25 Wege dein passives Einkommen dauerhaft aufzubauen_ITA

10 ETF che ti fanno perdere soldi

Investire in ETF è una cosa meravigliosa. Ma anche con questa popolare forma di investimento, gli investitori possono commettere molti errori. Per aiutarti a evitare questi errori come investitore, in questo articolo ti mostrerò 10 ETF che distruggeranno il tuo denaro.

Ecco di cosa si tratta:

  • Quali sono gli errori più comuni quando si investe in ETF?
  • Quali sono gli ETF che hanno registrato le performance peggiori in passato?
  • E come possono gli investitori minimizzare il rischio quando investono in ETF?

Speculare con gli ETF

Gli investitori possono anche essere tentati dalle loro emozioni o dalle tendenze più in vista quando investono in ETF. Gli ETF, in particolare, sono una forma di investimento in cui gli investitori assumono solitamente un ruolo passivo. Ma per alcuni questo non è sufficiente, quindi cercano di ottenere un rendimento in eccesso o di ridurre il rischio con investimenti mirati in singoli Paesi e settori. Tuttavia, questo non sempre porta al successo.

Oggi analizziamo 10 ETF che hanno registrato performance particolarmente negative negli ultimi cinque anni. Non si tratta quindi di picchi una tantum, ma di un periodo di tempo più lungo. Oltre all’età minima di cinque anni, tutti gli ETF di questa lista gestiscono una somma di almeno 50 milioni di euro.

Importante:

Questa classifica non rappresenta una raccomandazione di investimento, ma solo la mia opinione personale.

Vediamo quali sono i 10 ETF che negli ultimi anni hanno consumato più denaro di quanto ne abbiano guadagnato.

ETF n. 1: Lyxor S&P 500 VIX Futures

Gli investitori dovrebbero investire nel Lyxor S&P 500 VIX Futures solo se sono in grado di individuare un imminente crollo prima di tutti gli altri investitori. Il motivo: questo ETF sale solo quando la volatilità del mercato statunitense è elevata, da cui l’abbreviazione “VIX” per “Volatility Index”.

Poiché il Lyxor S&P 500 VIX Futures beneficia della volatilità del mercato, gli investitori in questo ETF hanno potuto realizzare guadagni significativi all’inizio della crisi del coronavirus. Da appena 3,6 euro alla fine di febbraio 2020, il prezzo è salito a oltre 12 euro nel giro di un mese. Il tutto grazie allo scoppio della pandemia di coronavirus.

Per me come investitore, il Lyxor S&P 500 VIX Futures non è un ETF interessante, in quanto devo continuare ad acquistare un nuovo portafoglio di cosiddetti “contratti futures”. Ciò significa che si scommette costantemente sul prezzo dell’S&P 500 e queste scommesse hanno naturalmente un costo. Gli investitori come Dirk Müller, che credono nel crollo costante e hanno quindi detenuto il Lyxor S&P 500 VIX Futures ETF negli ultimi cinque anni, hanno registrato perdite costanti, ad eccezione di alcuni giorni nel marzo 2020: un puro spreco di denaro.

Gruppenbanner - FacebookFacebook Gruppebanner - Mobil

ETF Nr. 2: Lyxor MSCI Turkey

L’inflazione in Turchia sembra non avere fine. Secondo i dati ufficiali, attualmente è pari al 36%. Secondo i dati non ufficiali dei ricercatori, è ancora più alta, pari al 60%.

Questa svalutazione massiccia è puro veleno per l’economia. Le persone spendono meno e hanno meno soldi da investire e, di conseguenza, la crescita economica sta rallentando.

Il Lyxor MSCI Turkey, negoziato in dollari, ha perso circa il 50% del suo valore negli ultimi cinque anni a causa dell’inflazione in Turchia. Gli investitori patriottici che hanno investito qui i loro soldi li hanno visti sparire gradualmente nel nulla.

Anche se questo forte calo offre un potenziale di crescita in futuro, il Lyxor MSCI World è attualmente fuori discussione per me.

ETF Nr. 3: Xtrackers Physical Platinum

Xtrackers Physical Platinum è un ETC con copertura in euro. Ciò significa che questo ETF detiene platino fisico per i suoi investitori e copre il platino acquistato in dollari dalle fluttuazioni valutarie in euro.

Questa copertura valutaria è costosa da un lato e spesso uno spreco di risorse dall’altro, dato che il dollaro e l’euro si bilanciano a lungo termine. In definitiva, gli investitori guadagnano poco da un investimento di questo tipo. Allo stesso tempo, come ogni altro metallo prezioso, il platino è un investimento non produttivo. A differenza delle aziende e delle loro azioni, i metalli preziosi non generano alcun valore effettivo per le persone, ma acquistano valore solo grazie alla loro scarsità.

Per questo motivo, gli investitori non dovrebbero detenere una percentuale troppo alta di metalli preziosi. La perdita quinquennale del platino è stata del 13%.

Nello stesso periodo il prezzo dell’oro è aumentato di circa il 40%.
L’MSCI World è cresciuto addirittura dell’80% in questi cinque anni.

Questi dati dimostrano chiaramente che l’investimento nel platino non è stato saggio negli ultimi anni.

ETF Nr. 4: iShares STOXX Europe 600 Telecommunications

L’ETF iShares STOXX Europe 600 Telecommunications è un classico esempio di scommessa settoriale. Questo ETF investe in 600 società di telecomunicazioni europee e ha perso il 5,7% del valore negli ultimi cinque anni.

Dal suo lancio nel 2001, l’ETF iShares STOXX Europe 600 Telecommunications ha ottenuto un rendimento annuo di appena lo 0,7%. Una performance inferiore alla media se si considera l’elevato rischio a cui sono generalmente esposti gli investitori azionari.

Personalmente mi tengo alla larga dalle scommesse sul settore a meno che non lo conosca molto bene. Tuttavia, questo non è il caso del settore delle telecomunicazioni.

ETF Nr. 5: Deka DAXplus Maximum Dividend

Il Deka DAXplus Maximum Dividend ETF pondera tutti i titoli “DAX”, “MDAX” e “TecDAX” in base ai dividendi. Tra questi i 25 titoli con i dividendi più alti vengono acquistati.

Il problema di questo ETF è la focalizzazione sul paese e il basso numero di titoli, in quanto il DAX non è esattamente noto per rispecchiare l’economia tedesca in modo particolare. Ad esempio, i beni di consumo sono fortemente sottorappresentati, mentre i beni non di consumo come il settore automobilistico sono fortemente sovrarappresentati.

Gli investitori che vogliono investire in un ETF sui dividendi dovrebbero piuttosto utilizzare un ETF globale o paneuropeo che sia distribuito su più paesi e che rappresenti meglio i vari settori.

Gli investitori che hanno investito nel Deka DAXplus Maximum Dividend ETF negli ultimi cinque anni hanno ottenuto un misero rendimento di appena il 5%. Allo stesso tempo, il rendimento del DAX classico è stato del 34%.

La perdita massima del 44% è inoltre di gran lunga superiore a quella del DAX (meno 25%), il che rende l’investimento in questo ETF poco attraente.

ETF Nr. 6: HSBC MSCI EM Latin America

L’HSBC MSCI EM Latin America investe nei mercati emergenti dell’America Latina, ovvero Brasile, Messico, Cile, Perù e Colombia. L’ETF investe in 90 società e raggiunge un interessante dividend yield del 4,38%. Il fatto che ben il 60% sia investito in Brasile diventa evidente solo a un secondo sguardo.

Sovrappesando il Brasile, gli investitori in questo ETF stanno facendo una grande scommessa sul Paese. Negli ultimi cinque anni gli investitori hanno registrato una perdita del 5% su questa scommessa.

Avrebbe più senso investire in un ETF che copra tutti i mercati emergenti e non solo una manciata. Questo permette agli investitori di distribuire il rischio in modo significativo.

ETF Nr. 7: iShares S&P 500 Energy Sector

L’ETF americano iShares S&P 500 Energy Sector investe in società statunitensi del settore energetico, principalmente compagnie petrolifere e del gas. Negli ultimi 12 mesi i prezzi del gas hanno subito un’impennata a causa della situazione di crisi e così anche i prezzi delle azioni.

Tuttavia, la performance prima di questa fase di crisi è stata tutt’altro che forte. L’iShares S&P 500 Energy Sector ETF ha realizzato un profitto solo una volta negli ultimi cinque anni e per il resto è sempre stato in territorio negativo. E questo nonostante i profitti siano stati reinvestiti!

Anche l’iShares S&P 500 Energy Sector ETF è una scommessa settoriale. Tuttavia, con questo ETF c’è il fatto spaventoso che i tre titoli più importanti rappresentano più del 50% del portafoglio.

Solo tre titoli determinano la performance di un intero ETF. Questo è tutto tranne che un’ampia base. Gli investitori in questo ETF dovrebbero chiedersi se sia necessario un ETF in questo caso. Almeno le spese di gestione potrebbero essere evitate investendo nelle stesse singole azioni.

ETF Nr. 8: iShares Oil and Gas Exploration & Production

L’iShares Oil and Gas Exploration & Production ETF è molto simile all’iShares S&P 500 Energy Sector ETF descritto in precedenza. Anch’esso accumula i suoi profitti, con la differenza che non investe solo in società statunitensi, ma in tutto il mondo. Inoltre, le prime tre posizioni non rappresentano il 50%, ma “solo” il 30% dell’intero portafoglio.

Tuttavia, anche la ponderazione per paese dell’iShares Oil and Gas Exploration & Production ETF è fortemente incentrata sull’America. I titoli americani rappresentano i 2/3 dell’intero ETF. E gli investitori lo notano anche nelle performance.

Come per altri ETF di questo settore, la performance degli ultimi cinque anni è stata tutt’altro che spettacolare. Gli investitori sono riusciti a ottenere un rendimento di appena il 2% in questo periodo e per la maggior parte del tempo sono stati in territorio negativo.

Gli investitori che hanno detenuto questo ETF dal suo lancio nel 2011, al momento si trovano di fronte a una perdita del 25%. Questa è la prova evidente che iShares Oil and Gas Exploration & Production non solo brucia petrolio e gas, ma anche denaro.

ETF Nr. 9: Lyxor MSCI China ESG Leaders

Il Lyxor MSCI China ESG Leaders ETF investe in società che operano nel settore ESG, ossia ambientale, sociale e di governance.

Ma per me la domanda è: “ESG e Cina vanno bene insieme?”. Un’occhiata al seguente grafico fornisce possibili risposte a questa domanda.

Il grafico mostra che nessuna società di questo ETF si sta impegnando seriamente per agire in modo sostenibile dal punto di vista ambientale e sociale. Solo il 27% lo fa a malincuore e più di due terzi di tutte le società non hanno alcuna prova di pratiche aziendali conformi alle norme ESG. A mio avviso, si tratta di una chiara frode di etichettatura!

Gli investitori nel Lyxor MSCI China ESG Leaders ETF hanno realizzato una performance negativa dell’11% negli ultimi anni.

L’indice di riferimento, l’MSCI China, è aumentato del 68% nello stesso periodo.

ETF Nr. 10: UBS MSCI World

Come investitore, probabilmente ti starai chiedendo come un indice mondiale possa essere uno dei peggiori ETF. Dopo tutto, la performance dell’MSCI World è stata dell’80% negli ultimi anni.

La risposta dell’UBS MSCI World sta nella mappatura dell’indice sottostante. Infatti, il suo tracciamento è significativamente peggiore rispetto a quello dei suoi concorrenti. La differenza tra l’ETF e l’indice reale – la tracking difference (TD) – è quindi pari a 0,22. In confronto, l’iShares Core MSCI World ottiene una deviazione molto più bassa dall’indice.

Per questo motivo, anche l’UBS MSCI World è un ETF da cui starei alla larga.

Conclusione: puoi anche perdere denaro con gli ETF

Rispetto alle singole azioni, gli ETF sono una delle forme di investimento a minor rischio. Tuttavia, anche in questo caso, gli investitori possono commettere molti errori se non si informano a sufficienza in anticipo. Per non aumentare il rischio degli ETF, gli investitori dovrebbero evitare di puntare su settori o paesi. I dati chiave, come la tracking difference, forniscono anche informazioni sulla convenienza di un investimento nel rispettivo ETF o se, alla fine, si tratta solo di denaro sprecato.

Il nostro autore

Aleks Bleck è il volto di Northern Finance e già all'età di 18 anni era azionista, prestatore e investitore di ETF. La sua attenzione si concentra sui prestiti P2P e sugli ETF passivi. Aleks ha fondato Northern Finance nel 2017 mentre studiava economia aziendale a Lüneburg.

Ha creato il canale YouTube parallelamente al suo lavoro principale nell'investment e corporate banking prima di concentrarsi finalmente su Northern Finance a tempo pieno.

L’esperienza con Fintown: Ottenere rendimenti con le proprietà in affitto

Sei interessato a investire in immobili, ma non sai come fare? Potresti anche essere alla ricerca di investimenti ad alto rendimento con rendimenti medi del 10-14%. In questo articolo ti mostrerò la mia esperienza con Fintown, cosa dovresti considerare e quali sono i vantaggi e gli svantaggi! Aspetti rilevanti: Sei alla ricerca di un investimento […]

Per saperne di più
Investire il denaro in modo corretto: questi investimenti daranno i loro frutti nel 2024

Pensione statale incerta, tassi e prezzi elevati dell’inflazione, obiettivi a lungo termine: ci sono numerosi motivi per investire e far crescere il proprio denaro. Anche tu stai affrontando questi problemi e vuoi iniziare a investire il tuo patrimonio, ma non sai da dove cominciare? In questo articolo abbiamo riassunto le nozioni di base più importanti […]

Per saperne di più
L’esperienza con Debitum: un rendimento di oltre l’11%

Debitum è la prova che le dimensioni non sono tutto. La mia esperienza con Debitum lo dimostra: Il rendimento che puoi aspettarti è superiore all’11% (al netto di eventuali inadempienze)! Ecco come funziona, quali sono i vantaggi ma anche i problemi e gli aspetti ai quali devi prestare attenzione. Aspetti rilevanti: Debitum è un provider […]

Per saperne di più
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram