Thumbnail ETFs für Konsumgüter_ITA

ETF per i beni di consumo – Come trarre profitto dai titoli di consumo

I beni di consumo tipici sono richiesti anche quando l’economia va male. Per questo motivo un ETF su questi beni di consumo è un investimento interessante! Abbiamo analizzato più da vicino cosa puoi aspettarti dagli ETF sui beni di consumo e quando vale la pena iniziare.

Aspetti rilevanti

  • I beni di consumo comprendono alimenti, bevande e articoli da toilette. Sono sempre necessari e quindi difficilmente dipendono dall’economia.
  • Un ETF sui beni di consumo è un investimento sensato che si comporta particolarmente bene in tempi di crisi.
  • Spesso si tratta di marchi grandi e affermati, il che aumenta notevolmente la sicurezza di un ETF di beni di consumo.
  • Il rendimento atteso è solido e a prova di crisi.

Perché i beni di consumo?

Il termine “beni di consumo” comprende in genere alimenti, bevande, articoli per l’igiene e la farmacia, articoli per la casa e altri prodotti di uso quotidiano.

Ne abbiamo bisogno regolarmente e difficilmente potremmo farne a meno. Ecco perché sono un investimento redditizio anche in tempi di crisi: anche se l’inflazione, il crollo della borsa o la guerra in Ucraina imperversano, abbiamo comunque bisogno di mangiare, bere e lavarci!

Un ETF sui beni di consumo non rientra quindi nella categoria degli investimenti ciclici, in quanto segue solo leggermente i movimenti economici. Ciò distingue questi prodotti d’investimento dai beni ciclici come le automobili, i viaggi o i beni di lusso.

Sono tra le spese che di solito una famiglia può rimandare senza problemi e che quindi preferisce rimandare a quando l’economia sarà di nuovo migliore. Ecco perché questi beni di consumo discrezionali soffrono di più in tempi difficili.

Con un ETF sui beni di consumo, beneficiamo anche della qualità delle aziende incluse: Il settore è caratterizzato da aziende affermate, spesso molto grandi, che sono tra i marchi più conosciuti al mondo. Coca-Cola, Pepsi, Nestlé, L’Oréal, Danone, Heineken e altri titoli sono diventati parte integrante della nostra vita quotidiana.

Un ETF per i beni di consumo paga in tempi di crisi

Gli ETF sui beni di consumo contengono un gran numero di titoli che godono di una buona reputazione tra gli azionisti. Anche il numero di titoli aristocratici dei dividendi è enorme e depone a favore della qualità del settore.

Queste aziende consolidate hanno conquistato da tempo i rispettivi mercati e si trovano in una posizione sicura. Anche se non si può escludere che questi pesi massimi subiscano la pressione di nuovi concorrenti o si trovino in difficoltà finanziarie, la probabilità è estremamente bassa.

I vantaggi di questa stabilità e potere di mercato sono particolarmente evidenti in tempi di crisi. Un ETF sui beni di consumo è un investimento particolarmente interessante in una fase di recessione economica, poiché questi prodotti di solito registrano performance migliori rispetto ad altri ETF settoriali.

Ciò è dovuto in parte all’elevata fedeltà al marchio della maggior parte dei consumatori. Anche quando i loro portafogli sono a corto di denaro, solo pochi clienti passano dai loro marchi preferiti ad alternative più economiche.

Le aziende sono quindi meno influenzate dall’economia e generano solidi profitti anche in periodi di crisi. In qualità di investitori in un ETF su questi beni di consumo, beneficiamo a nostra volta proprio di questa stabilità.

Prospettive future per il settore

Il settore dei beni di consumo comprende in gran parte beni di consumo che dobbiamo bere, mangiare o consumare e poi ricomprare. La domanda sembra quindi essere sicura per il prossimo futuro.

Una sana dose di innovazione rende felici anche i consumatori. Che si tratti di nuovi sapori o di prodotti sostenibili, ci sono sempre opportunità per incrementare i consumi.

Anche gli articoli per la casa come gli elettrodomestici (frigoriferi, lavastoviglie, lavatrici, ecc.) e gli articoli per il tempo libero sono beni di consumo. A causa della loro limitata aspettativa di vita e delle regolari innovazioni, anche in questo caso la domanda è ininterrotta.

Tuttavia, è probabile che siano i mercati emergenti a influenzare maggiormente il settore: Le vendite in India, Cina e simili stanno esplodendo per molti produttori grazie a una nuova classe media che si sta affermando e che si concentra su prodotti di qualità. Chiunque investa in questo settore tramite un ETF sui beni di consumo può beneficiare di una crescita massiccia nei prossimi anni.

I problemi attuali, come l’inflazione elevata e l’incertezza dei consumatori a causa di guerre, pandemie e strozzature nelle forniture, difficilmente influenzano gli ETF sui beni di consumo. I prodotti di marca qui inclusi sono tra i pochi beni per i quali i consumatori pagano anche un prezzo più alto (a causa dell’inflazione).

Una componente psicologica gioca un ruolo molto importante nell’acquisto: la sensazione di qualità, familiarità e quindi sicurezza risuona. Anche se questa impressione è solo soggettiva, garantisce cifre di vendita sempre elevate.

Se sei interessato ad altri ETF del futuro, leggi gli articoli sugli ETF per l’elettromobilità, gli ETF per la stampa 3D, gli ETF per i semiconduttori o gli ETF per le energie rinnovabili.

Banner - Freedom24
93/100
Punti
Fino a 20 azioni gratuite (01.07.-31.08.2024)
Fino al 5,4% all'anno per i depositi in EUR
Mediana di 79 € - 529 € delle azioni gratuite (01.07.-31.08.2024)
AL FORNITORE*

È possibile scegliere tra i seguenti ETF sui beni di consumo

La gamma di ETF che seguono i beni di consumo è ampia. Gli investitori possono trovare prodotti che si concentrano sul mercato statunitense, europeo o mondiale. Tuttavia, al momento non esiste alcun fondo che segua separatamente i mercati emergenti.

È bene sapere che:

Gli ETF sui beni di consumo vengono chiamati “consumer staples”. “I beni di consumo discrezionali, invece, sono beni di lusso, ovvero l’opposto in termini di resistenza alla crisi.

1. Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS

Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS
ISIN: IE00BM67HN09
Dimensione: 729 milioni di euro
Costi totali (TER): 0,25% annuo.
Inizio: 09 marzo 2016
Distribuzione: Distribuire

L’Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS è un ETF di grandi dimensioni con un volume di oltre 700 milioni di euro. Riflette il mercato dei beni di consumo dei paesi industrializzati, con una quota di quasi il 60% di aziende statunitensi.

Su un periodo di tempo più lungo, la sua performance non riesce a tenere il passo con l’MSCI World come indice di riferimento, in quanto i beni di consumo spesso registrano performance peggiori nei periodi di forte ripresa. In tempi di crisi, invece, questo ETF per i beni di consumo ottiene buone performance, come ci si aspettava, e spesso ha superato l’MSCI World.

Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS ETF Performance 3 anni
Il confronto tra l’Xtrackers MSCI World Consumer Staples (blu) e l’indice MSCI World (nero) su un periodo di tre anni è a favore dell’MSCI World. Fonte: Justetf.com
Xtrackers MSCI World Consumer Staples UCITS ETF Performance 6 mesi
Nei turbolenti ultimi sei mesi, l’Xtrackers MSCI World Consumer Staples (blu) è stato in grado di dimostrare la sua resistenza alla crisi e ha spesso sovraperformato l’MSCI World (nero). Fonte: Justetf.com

L’Xtrackers MSCI World Consumer Staples ha già dimostrato una buona performance in tempi di crisi e potrebbe quindi essere un investimento sensato. L’imminente recessione peserà senza dubbio su altre forme di investimento e potrebbe risparmiare questo ETF sui beni di consumo.

2. SPDR MSCI Europe Consumer Staples UCITS ETF

SPDR MSCI Europe Consumer Staples UCITS ETF
ISIN: IE00BKWQ0D84
Dimensione: 530 milioni di euro
Costi totali (TER): 0,18% annuo.
Inizio: 05 dicembre 2014
Distribuzione: Accumulazione

Chi punta al mercato europeo dei beni di consumo farebbe bene a investire nello SPDR MSCI Europe Consumer Staples UCITS ETF. Con un volume di 530 milioni di euro, anche questo è un ETF di grandi dimensioni che, con costi di appena lo 0,18% all’anno, non incide quasi per niente sui nostri rendimenti.

Sono incluse le aziende europee che producono e commercializzano beni di consumo. Con il 35%, il Regno Unito rappresenta la quota maggiore, seguito dalla Svizzera con poco meno del 30% e dalla Francia con il 14%.

L’SPDR MSCI Europe Consumer Staples ETF è soggetto a una restrizione: un massimo del 35% del fondo può essere allocato alla società più grande e un massimo del 20% a ogni altra società. Attualmente Nestlé occupa il primo posto con il 27%, mentre Unilever è al secondo posto con appena il 9%. In pratica, il regolamento non ha alcuna influenza sulla composizione del fondo.

Se si confronta questo ETF per i beni di consumo con il tipico indice di riferimento MSCI World, il quadro è contrastante: la performance generale negli ultimi anni è stata piuttosto scarsa; tuttavia, lo SPDR MSCI Europe Consumer Staples ha ottenuto risultati migliori, soprattutto in periodi difficili come quelli che abbiamo vissuto di recente.

SPDR MSCI Europe Consumer Staples UCITS ETF Performance 3 anni
Rispetto all’MSCI World (nero), lo SPDR MSCI Europe Consumer Staples (blu) ha registrato una performance peggiore in un periodo di osservazione di 3 anni. Fonte: Justetf.com
SPDR MSCI Europe Consumer Staples UCITS ETF Performance 1 anno
Uno sguardo all’ultimo anno mostra che lo SPDR MSCI Europe Consumer Staples (blu) ha superato i momenti difficili meglio dell’MSCI World (nero). Fonte: Justetf.com

3. SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector UCITS

SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector UCITS
ISIN: IE00BWBXM385
Dimensione: 257 milioni di euro
Costi totali (TER): 0,15% annuo.
Inizio: 07 luglio 2015
Distribuzione: Accumulazione

Sebbene la sovraponderazione delle aziende statunitensi sia considerata in modo critico da molti ETF settoriali, è accolta con favore da molti investitori nel settore dei beni di consumo. Questo perché le aziende più importanti e conosciute si trovano negli Stati Uniti! L’SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector UCITS sfrutta questa situazione e offre agli investitori l’accesso al mercato.

E il successo è impressionante: Essendo uno dei pochi ETF dedicati ai beni di consumo, l’SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector è in grado di tenere testa al tipico indice di riferimento MSCI World nel lungo periodo!

SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector UCITS Performance 3 anni
L’SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector (blu) può addirittura sovraperformare l’MSCI World (nero) in un periodo di osservazione di tre anni. Fonte: Justetf.com

Anche una visione a breve termine degli ultimi mesi, con i loro numerosi alti e bassi, mostra i punti di forza dell’SPDR: Mentre l’indice MSCI World ha registrato una perdita, l’ETF sui beni di consumo ha ottenuto un guadagno del 17%!

SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector UCITS Performance 1 anno
L’SPDR S&P US Consumer Staples Select Sector ETF (blu) ha sovraperformato significativamente l’MSCI World (nero) negli ultimi anni. Fonte: Justetf.com

Se preferisci gli ETF economici come investimento, ti consiglio di leggere l’articolo sugli ETF del settore finanziario e sugli ETF industriali.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
3,75% di interessi sul conto di compensazione
AL FORNITORE*

Conclusione: un rifugio sicuro in tempi di crisi

I beni di consumo sono particolarmente popolari in tempi di crisi e hanno la reputazione di resistere meglio alle flessioni. I risultati degli ETF sui beni di consumo dimostrano in modo impressionante che questa reputazione è fondata!

Sebbene le performance spesso non riescano a tenere il passo di un indice mondiale o di altri ETF settoriali, soprattutto durante una forte ripresa, l’offerta si fa perdonare nei momenti difficili.

Nell’attuale fase di recessione, gli ETF sui beni di consumo mostrano performance stabili e rendimenti spesso interessanti, mentre altri investimenti arrancano. La combinazione con le eccellenti prospettive future del settore rende i beni di consumo un investimento sensato.

Questo perché le aziende stanno beneficiando della fedeltà al marchio dei clienti, della domanda quasi ininterrotta anche in tempi di crisi e delle vendite in drastica crescita nei mercati emergenti.

Anche la qualità delle aziende è di grande interesse per gli investitori: In questo settore troviamo aziende consolidate e di grandi dimensioni che esercitano un notevole potere di mercato. Non devono quasi preoccuparsi della loro posizione e sono quindi ulteriori rifugi sicuri per il nostro capitale.

Infine, ma non meno importante, con gli ETF sui beni di consumo possiamo beneficiare di costi molto bassi (anche per un ETF). Le opzioni di investimento considerate a prova di crisi sono spesso caratterizzate da commissioni relativamente elevate; con un ETF sui beni di consumo, invece, gli investitori possono superare la prossima crisi a basso costo.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
3,75% di interessi sul conto di compensazione
AL FORNITORE*

FAQ – Domande frequenti sugli ETF per i beni di consumo

Il nostro autore

Aleks Bleck è il volto di Northern Finance e già all'età di 18 anni era azionista, prestatore e investitore di ETF. La sua attenzione si concentra sui prestiti P2P e sugli ETF passivi. Aleks ha fondato Northern Finance nel 2017 mentre studiava economia aziendale a Lüneburg.

Ha creato il canale YouTube parallelamente al suo lavoro principale nell'investment e corporate banking prima di concentrarsi finalmente su Northern Finance a tempo pieno.

Confronto prestiti P2P 2024: i 10 migliori fornitori di prestiti P2P

L’inflazione ha raggiunto l’incredibile percentuale del 10%. Mentre le azioni, gli ETF e gli immobili perdono sempre più valore, c’è una classe di attività che continua a generare buoni rendimenti: I prestiti P2P. In questo articolo puoi scoprire come valuto attualmente le 10 migliori piattaforme di prestito P2P in Europa. Leggi qui il grande confronto […]

Per saperne di più
Costi nascosti di Trade Republic: come funzionano i piani di risparmio a 0 euro?

Quando si tratta di commissioni per il proprio portafoglio, tutti cerchiamo di pagare il meno possibile. Tuttavia, arriviamo presto al punto in cui i costi bassi ci insospettiscono: Come è possibile una cosa del genere? Come può il fornitore generare un reddito?

Per saperne di più
L’esperienza con Trade Republic 2024 e i lati negativi del neobroker

Essendo probabilmente il neobroker più conosciuto sul mercato tedesco, Trade Republic ha molti fan. Non c’è da stupirsi, visto che in genere qui si ottengono condizioni eccellenti e un’ampia scelta! Ora l’azienda sta facendo il logico passo successivo e si sta espandendo in altri paesi dell’UE. Tuttavia, l’offerta non è perfetta e in alcuni punti […]

Per saperne di più
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram