Thumbnail - 70_30 Weltportfolio_ITA

Maggiore rendimento? La mia strategia ETF vs. portafoglio mondiale 70/30

A differenza di molti investitori, non investo in un portafoglio globale convenzionale con una ponderazione 70/30. La mia strategia è più offensiva e pone maggiore enfasi sulla Cina e sui mercati emergenti piuttosto che sugli Stati Uniti. Nell’articolo di oggi scoprirai se ho avuto successo con questa strategia dell’ETF negli ultimi anni.

Ecco di cosa si tratta:

  • Gli investitori con una strategia ETF 70/30 hanno ottenuto in passato rendimenti più elevati rispetto ad altre strategie?
  • Perché non sto deliberatamente investendo con una strategia ETF 70/30?
  • E perché la Cina, in particolare, dovrebbe diventare un punto di riferimento in futuro?

Meno USA, più rendimento?

Vengo subito al punto: negli ultimi anni i miei rendimenti con una strategia di ETF 50/50 non sono stati significativamente migliori di quelli ottenuti con la classica strategia di ETF 70/30. Ma ovviamente, come investitore non voglio sempre seguire un piano predeterminato, voglio anche mettere in atto le mie strategie.

Nella strategia 70/30 World, il 70% è investito nell’MSCI World, che copre 23 paesi industrializzati, e il 30% nell’MSCI Emerging Markets, che copre 25 mercati emergenti. Questa strategia copre circa l’85% della capitalizzazione di mercato globale, il che rappresenta una buona ragione per molti investitori per seguire questo approccio 70/30.

Il fatto è che gli investitori appassionati amano anche aggiungere un po’ di sapore al loro portafoglio. Per questo motivo molti decidono di incorporare le proprie preferenze di investimento nel portafoglio globale. Di conseguenza, spesso vengono aggiunti singoli titoli come Amazon, Apple o Shell.

Tuttavia, la mia strategia è diversa. Mi sto concentrando sulla Cina. Questo perché io stesso sono già stato in Cina due volte: una per una vacanza e una per studiare. In base alle mie esperienze sul campo, sono convinto che sovrappesare gli Stati Uniti e sottopesare la Cina sia una strategia di investimento sbagliata nel lungo periodo! Per questo motivo, investo deliberatamente con una strategia 50/50 in ETF.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
3,75% di interessi sul conto di compensazione
AL FORNITORE*

Perché più Cina e meno Stati Uniti?

Qual è il motivo per cui sono così convinto della ripresa della Cina e quindi preferisco investire di più piuttosto che di meno nei mercati emergenti?

La Cina ha già lasciato indietro gli Stati Uniti in diverse aree tecnologiche e sono sicuro che questa tendenza non potrà che intensificarsi in futuro. La forza tecnologica è ulteriormente sottolineata da aziende cinesi come Tencent, dji e Huawei, tutte pioniere nella ricerca sul 5G.

Ma anche l’onnipresenza tecnologica della Cina si sta facendo notare insieme a questi giganti della tecnologia. Nel 2018, ho già potuto pagare il mio pasto al McDonald’s locale utilizzando una scansione del volto, mentre allo stesso tempo quasi nessuno in Europa e negli Stati Uniti ha fatto uso di tecnologie comuni come Apple Pay.

Sì, sono persino riuscito a trasferire denaro ai senzatetto in Cina utilizzando un codice QR! Questo non è ancora concepibile in Germania.

Gli Stati Uniti sono sovrappesati nel portafoglio globale?

Se attualmente stai investendo con la classica strategia ETF 70/30 (MSCI World + MSCI Emerging Markets), devi sapere che quasi il 69% del tuo ETF MSCI World è ora investito negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti rappresentano quindi la parte più consistente dell’MSCI World, ma anche del tuo portafoglio. Con questa strategia 70/30, il 48,13% del tuo patrimonio totale sarà investito negli Stati Uniti. Ciò significa che per ogni euro che investi in questa strategia di portafoglio mondiale, 48 centesimi confluiranno negli Stati Uniti e solo il 52% nel resto del mondo.

A mio parere, non stiamo parlando di una “strategia globale“, ma piuttosto di una “strategia statunitense“. Tuttavia, gli Stati Uniti sono l’attore globale con la maggiore capitalizzazione di mercato al mondo. Questo è il motivo per cui la strategia dell’ETF 70/30 è così popolare.

La capitalizzazione di mercato è nota anche come “valore di borsa” e viene calcolata in base al prezzo corrente delle azioni e al numero di azioni di una società quotata in borsa. Può quindi cambiare costantemente. Se una società ha un numero maggiore di azioni di maggior valore, la proporzione di questa società nel portafoglio è di conseguenza maggiore.

Facebook è un’azienda con un’enorme capitalizzazione di mercato. Dopo che il gigante tecnologico ha annunciato la sua ridenominazione in “Meta“, il prezzo delle azioni è crollato di ben il 26%, causando una perdita record di 232 miliardi di dollari USA. Si tratta di una cifra pari al valore di mercato combinato di Mercedes-Benz, BMW e Deutsche Post.

Un'immagine che contiene del testo. Descrizione generata automaticamente

Non stupisce quindi che la Germania rappresenti solo il 2,4% dell’MSCI World.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
3,75% di interessi sul conto di compensazione
AL FORNITORE*

Con 70/30 al successo

Anche se la strategia dell’ETF 70/30 sovrappesa alcuni paesi, negli ultimi anni ha dimostrato di avere un grande successo. Gli investitori che hanno investito nel 70/30 negli ultimi 10 anni hanno realizzato un rendimento annuo del 9,3%, superiore al rendimento medio del 6-8%.

Un investitore che ha investito 10.000 euro 10 anni fa è stato in grado di aumentare il suo portafoglio a 22.400 euro utilizzando la strategia 70/30.

Se un investitore avesse investito gli stessi 10.000 € con la strategia 50/50, cioè 50% MSCI World e 50% MSCI Emerging Markets, alla fine dei 10 anni avrebbe avuto in portafoglio solo 19.500 €. Ciò corrisponde a un rendimento del 7,65%.

Perché non investo 70/30

Negli ultimi 10 anni, gli investitori hanno avuto più successo quando hanno sovrappesato gli Stati Uniti. Ma come molte altre cose nel mondo finanziario, il mercato degli ETF non può essere previsto. Continuo a credere che nel lungo periodo avrò più successo con una strategia 50/50 in ETF. Ma perché sono così convinto?

Diamo un’occhiata al seguente grafico:

Qui puoi vedere la performance a 7 anni dell’iShares Core MSCI Emerging Markets. Sebbene la performance sia positiva, non appare particolarmente entusiasmante. Se ora osserviamo una sezione più ampia dello sviluppo, il quadro appare immediatamente diverso, come dimostra il grafico sottostante di Franklin Templeton Investments.

Questo grafico mostra che i mercati emergenti hanno registrato una performance significativamente migliore rispetto ai mercati sviluppati dall’inizio della misurazione. Per questo motivo, il periodo in esame riveste un ruolo fondamentale in domande come “quale performance è migliore, quella dei mercati emergenti o quella dei mercati sviluppati?

I motivi della minore performance dei mercati emergenti

Secondo alcuni studiosi, le performance temporaneamente inferiori e quindi i rendimenti più bassi dei mercati emergenti sono spesso dovuti all’incertezza politica di questi mercati. E questo è anche il caso attuale.

La Cina sta attualmente subendo un massiccio intervento economico da parte del governo. Per questo motivo, molte società cinesi sono considerate meno preziose di quelle americane, in quanto possono essere pesantemente influenzate o addirittura vietate dal governo in qualsiasi momento. La Cina rappresenta attualmente il 32% dell’MSCI Emerging Markets.

Excursus: Quando le azioni sono costose e quando sono economiche?

Il rapporto prezzo/utili (P/E) è una delle cifre chiave più importanti per gli investitori. Può essere utilizzato per determinare quanto sia costosa un’azione o un intero ETF rispetto agli utili dell’anno precedente. Il rapporto P/E descrive la frequenza con cui deve essere realizzato l’utile dell’anno precedente per raggiungere la valutazione attuale.

Suggerimento:

In generale, un rapporto prezzo/utili di 12 è considerato economico e 20 costoso.

Il rapporto P/E della Borsa di Shanghai si colloca nella fascia media con un valore di 16,9 nel febbraio 2022.

A titolo di confronto, il rapporto P/E dell’indice S&P 500 statunitense è pari a 25,5 nello stesso periodo, quindi significativamente più alto o più costoso.

Un'immagine contenente una tabella. Descrizione generata automaticamente

Gli investitori che ora acquistano azioni americane pagano molto di più rispetto alle azioni cinesi per ottenere gli stessi dividendi. Questo è uno dei motivi per cui continuerò a seguire la mia attuale strategia 50/50 in ETF.

Questo decennio sarà della Cina!

Che ci piaccia o no, sono convinto che il futuro sia in Cina. Per questo motivo, mi sto già assumendo il rischio di investire maggiormente nei mercati emergenti e quindi in Cina.

Allo stesso tempo, credo che gli Stati Uniti non saranno in grado di mantenere la loro sovraperformance degli ultimi anni. Infatti, mentre un numero maggiore di cinesi si sta spostando nella classe media e alta, consumando molto di più e creando innovazioni, la popolazione americana sta crescendo solo lentamente, sta invecchiando e non sta diventando più ricca.

Naturalmente, ci sono anche argomenti contro l’aumento degli investimenti in Cina e a favore di un continuo aumento degli investimenti negli Stati Uniti. Uno di questi è rappresentato dalle aziende statunitensi che potrebbero espandere la propria attività in un mercato cinese in crescita, come Apple o Nike.

Tuttavia, non bisogna dimenticare che negli ultimi anni queste aziende hanno dovuto condividere le loro conoscenze con partner cinesi locali (ad esempio tramite joint venture). Di conseguenza, le conoscenze vengono trasferite dalle mani degli americani a quelle dei cinesi, consentendo loro di recuperare più rapidamente il vantaggio occidentale in termini di conoscenze e quindi di diventare più indipendenti.

Si prevede inoltre che progetti come la nuova Via della Seta e i treni ad alta velocità aumenteranno enormemente gli scambi commerciali della Cina con il resto del mondo nei prossimi decenni. Queste sono solo alcune delle misure strategiche della Cina per diventare il paese industrializzato del futuro.

Banner - Scalable Broker Capital
98/100
Punkte
1.300 sparplanfähige ETFs
von der BaFin kontrolliert
4% Zinsen für Neukunden
ZUM ANBIETER*

Conclusione: i mercati emergenti rimangono il fulcro della mia strategia ETF

I mercati emergenti hanno registrato una forte crescita economica negli ultimi decenni e probabilmente continueranno a farlo in futuro. La Cina, in particolare, si affermerà come potenza economica e presto prenderà il posto degli Stati Uniti. Gli investitori dovrebbero quindi tenere d’occhio gli sviluppi dei mercati emergenti per evitare di perdere preziose opportunità.

Il nostro autore

Aleks Bleck è il volto di Northern Finance e già all'età di 18 anni era azionista, prestatore e investitore di ETF. La sua attenzione si concentra sui prestiti P2P e sugli ETF passivi. Aleks ha fondato Northern Finance nel 2017 mentre studiava economia aziendale a Lüneburg.

Ha creato il canale YouTube parallelamente al suo lavoro principale nell'investment e corporate banking prima di concentrarsi finalmente su Northern Finance a tempo pieno.

Confronto prestiti P2P 2024: i 10 migliori fornitori di prestiti P2P

L’inflazione ha raggiunto l’incredibile percentuale del 10%. Mentre le azioni, gli ETF e gli immobili perdono sempre più valore, c’è una classe di attività che continua a generare buoni rendimenti: I prestiti P2P. In questo articolo puoi scoprire come valuto attualmente le 10 migliori piattaforme di prestito P2P in Europa. Leggi qui il grande confronto […]

Per saperne di più
Costi nascosti di Trade Republic: come funzionano i piani di risparmio a 0 euro?

Quando si tratta di commissioni per il proprio portafoglio, tutti cerchiamo di pagare il meno possibile. Tuttavia, arriviamo presto al punto in cui i costi bassi ci insospettiscono: Come è possibile una cosa del genere? Come può il fornitore generare un reddito?

Per saperne di più
L’esperienza con Trade Republic 2024 e i lati negativi del neobroker

Essendo probabilmente il neobroker più conosciuto sul mercato tedesco, Trade Republic ha molti fan. Non c’è da stupirsi, visto che in genere qui si ottengono condizioni eccellenti e un’ampia scelta! Ora l’azienda sta facendo il logico passo successivo e si sta espandendo in altri paesi dell’UE. Tuttavia, l’offerta non è perfetta e in alcuni punti […]

Per saperne di più
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram