IT ETF Auswahl – Darauf solltest du achten!

Selezione dell’ETF: presta attenzione a questo aspetto!

Che tu voglia risparmiare per la pensione, costruire una casa in futuro, proteggerti dall’inflazione o costruire un patrimonio a lungo termine, ci sono numerosi motivi per investire il tuo denaro. Gli ETF sono una scelta eccellente per tutti questi obiettivi e non solo. Ma con così tanti titoli tra cui scegliere, in quale esattamente dovresti investire? In questo articolo scoprirai quali sono gli aspetti e le cifre chiave che devi considerare quando scegli gli ETF!

Aspetti rilevanti:

  • In questo articolo scoprirai quali costi devi considerare quando decidi di acquistare un ETF.
  • Che cosa significa replica fisica o sintetica e quali sono i rischi maggiori che comporta?
  • Quali tipi di distribuzione sono disponibili nella selezione di ETF e quale variante è più adatta al tuo conto deposito?
  • Scopri quanto dovrebbe essere alto il volume del fondo e l’età del tuo ETF e perché questo è importante
  • Scopri come costruire la tua strategia di investimento finanziario e quali sono le domande da porsi nella scelta dell’ETF più adatto.

Scegliere gli ETF giusti? Ecco come fare!

È arrivato il momento: vuoi investire il tuo denaro in modo corretto e stai prendendo in considerazione gli ETF. Di seguito ti presentiamo alcuni importanti dati e aspetti che dovresti considerare prima di scegliere l’ETF.

Banner - Scalable Broker Capital
98/100
Punti
1.300 ETF adatti ai piani di risparmio
controllata dalla BaFin
Ottieni fino a 50€ di bonus iniziale su Scalable Capital fino al 31/01.
AL FORNITORE*

Costi dell’ETF

Per massimizzare i rendimenti del tuo ETF, i costi devono essere mantenuti il più possibile bassi. Spese correnti elevate ridurranno il tuo rendimento nel lungo periodo. I costi correnti, in particolare, possono avere un impatto notevole sui tuoi profitti.

Le spese correnti sono indicate come TER o Total Expense Ratio. Si tratta del cosiddetto rapporto di spesa totale, che indica le commissioni annuali sostenute per il tuo ETF. Questa cifra è composta dalle commissioni che la tua banca o il tuo broker prelevano dal volume del fondo per coprire i propri costi.

Esistono anche i cosiddetti costi di transazione. Questi vengono sostenuti solo una volta, ad esempio se vuoi investire una grande quantità di denaro in un ETF una tantum. I costi sono regolati in modo diverso a seconda della banca o del broker. Spesso ci sono costi percentuali, commissioni forfettarie o ETF in cui si può investire gratuitamente.

A seconda del fornitore dell’ETF, possono essere applicate delle commissioni di deposito. Tuttavia, è consigliabile cercare un broker con il quale sia possibile mantenere un conto di deposito gratuito. I confronti su internet sono utili a questo scopo, in quanto esaminano i dettagli esatti delle diverse offerte bancarie e possono aiutarti facilmente ad avere una visione d’insieme.

Infine, è necessario prendere in considerazione i possibili spread. Lo spread è la differenza tra il prezzo di domanda e il prezzo di offerta. Soprattutto se acquisti e vendi in borsa al di fuori degli orari ufficiali di negoziazione, questo può comportare costi elevati.

È bene sapere che:

Se decidi di risparmiare in un ETF su base regolare, ad esempio con un deposito mensile automatizzato, i costi sono spesso significativamente inferiori rispetto a un investimento una tantum.

Considera i tipi di replica quando selezioni

Esistono fondamentalmente due diversi tipi di replica che si distinguono nella scelta degli ETF: ETF fisici e ETF sintetici. Di seguito discuteremo i diversi modi in cui funzionano.

Un ETF si basa su un indice e cerca di replicarlo il più fedelmente possibile. Replicare fisicamente significa che il titolo replica l’indice su base uno a uno. Le rispettive ponderazioni sono le stesse. Se un ETF è soggetto a replica completa, viene replicato per intero.

Questo approccio presenta dei vantaggi, come un elevato livello di trasparenza. Tuttavia, è uno svantaggio se si devono replicare ETF di grandi dimensioni con molte azioni, in quanto è molto più complesso, richiede molto tempo e quindi comporta costi più elevati. Per questo motivo esistono titoli che sono soggetti a una replica parziale, nota anche come “campionamento”:

  • L’indice non è mappato come nell’originale per evitare costi elevati.
  • Invece, solo alcune azioni vengono selezionate e acquistate per rappresentare l’indice.
  • Vengono acquistate le azioni più importanti dell’indice. Le azioni che sono rappresentate solo con una ponderazione molto bassa non vengono acquistate.

La seconda variante prevede la replica sintetica dei titoli. L’obiettivo non è quello di replicare il più fedelmente possibile l’indice; si possono includere anche titoli completamente diversi.

Invece, viene stipulato un contratto con un cosiddetto partner di swap. Il partner si impegna a pagare il dividendo e riceve una commissione dalla controparte dello swap. Questo comporta il seguente rischio:

  • Un ETF a replica sintetica dipende dal fatto che il partner adempia ai suoi obblighi
  • Se non adempie ai suoi obblighi, spesso si ricorre a garanzie reali.
  • Questo rischio è legalmente limitato dalla cosiddetta Direttiva UCITS.
  • La possibile perdita è quindi limitata a un massimo del 10%, mentre il 90% è protetto da garanzie collaterali.
  • In realtà, il rischio di perdite è basso; di solito viene depositato un collaterale superiore al 90%.
Tipi di replica

Volume del fondo: quanto dovrebbe essere alto?

Il volume del fondo di un ETF indica quanto denaro è stato investito complessivamente in questo fondo ed è un fattore importante nella scelta dell’ETF. Se leggi che un ETF ha un volume di 50 milioni di euro, significa che nell’ETF sono stati investiti 50 milioni di euro.

Ma perché questa cifra chiave è importante? Un ETF in cui è stato investito molto denaro si è affermato sul mercato. Più alto è l’importo investito, più il titolo è affermato. Un volume di fondi di 100 milioni di euro è considerato elevato.

Più un ETF è grande, più è redditizio per il fornitore. Se un ETF è molto piccolo e non è redditizio per l’investitore, può essere chiuso nuovamente. L’investitore sarà informato di ciò in modo da poter pianificare per tempo e riallocare il denaro per evitare una perdita totale dell’ETF. Questo rischio è significativamente più basso con gli ETF più grandi.

Tuttavia, non tutti gli ETF di piccole dimensioni sono da considerarsi negativi. In particolare, gli ETF tematici, come ad esempio l’ETF sul solare, si sono specializzati in determinati settori e di solito hanno un volume di fondi significativamente inferiore. Sono più rischiosi e quindi adatti a investitori con esperienza, ma possono anche offrire opportunità.

Tuttavia, se sei un principiante e stai costruendo un portafoglio globale, dovresti optare per ETF con un volume di fondi elevato, almeno 100 milioni di euro. Se vuoi pianificare a lungo termine e andare sul sicuro, puoi optare per un ETF con un volume di 500 milioni di euro.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
Bonus: azioni gratuite fino a 200€
AL FORNITORE*

Differenza di tracciamento ed errore di tracciamento

Un indicatore importante in relazione alla selezione del tuo ETF è la tracking difference. Si tratta della differenza tra la performance dell’indice di riferimento e quella dell’indice selezionato in un determinato periodo di tempo.

Più la differenza di tracciatura è vicina a 0, più le performance sono simili. È importante sapere che il TR tiene conto di tutti i costi di un titolo. Questo lo rende un indicatore utile.

Tuttavia, l’indicatore si riferisce al passato, per cui non è possibile ricavare informazioni affidabili sul futuro. Vale la pena analizzare il TR in un periodo di tempo più lungo. In questo modo è possibile assicurarsi che il fornitore possa garantire la qualità della mappatura in diverse fasi del mercato.

La tracking difference e il tracking error vengono spesso equiparati, ma non sono sinonimi l’uno dell’altro. La tracking difference è la deviazione effettiva. Il tracking error, invece, rappresenta la dispersione del prezzo dell’ETF intorno al valore medio dell’indice, indicando così la deviazione standard del rendimento del fondo.

Seleziona il tipo di distribuzione: Accumulatore vs. Distributore

La distinzione tra ETF ad accumulazione e ETF a distribuzione riguarda la destinazione dei profitti realizzati. Questa decisione può influenzare il tuo rendimento negli investimenti a lungo termine.

Se scegli un titolo a distribuzione, puoi beneficiare di versamenti regolari. Questi vengono trasferiti direttamente sul tuo conto a intervalli regolari. Puoi usarli per acquistare piccoli oggetti o investire i profitti in altre classi di attività.

Se opti per la versione ad accumulo, i tuoi profitti vengono reinvestiti nella stessa classe di attività. Questo avviene automaticamente, non devi fare nulla di più. In questo modo, puoi beneficiare del cosiddetto effetto di interesse composto:

  • Se opti per un’opzione ad accumulo, i profitti ottenuti verranno reinvestiti
  • Ciò significa che i profitti generati possono contribuire a generare ulteriori rendimenti in futuro.
  • L’ammontare totale dei tuoi beni che lavorano per te diventerà quindi sempre più grande.
  • L’effetto dell’interesse composto aiuta a ottenere una crescita maggiore dei rendimenti ed è quindi particolarmente utile per gli investitori a lungo termine che vogliono ottenere i massimi rendimenti possibili.

È bene sapere che:

Nessun tipo di distribuzione è di per sé migliore o peggiore dell’altro. Il tipo di distribuzione che scegli è una preferenza individuale e può basarsi sui tuoi obiettivi. Per alcuni, le distribuzioni regolari sono motivanti e li aiutano a mantenere i loro investimenti. Altri vogliono massimizzare i rendimenti e risparmiare a lungo termine e scelgono un ETF ad accumulazione.

Distribuzione vs. accumulo

Selezione dell’ETF: Perché dovresti considerare l’età?

Come il volume del fondo, anche l’età di un ETF fornisce informazioni su quanto il titolo sia affermato sul mercato. Un’età elevata di solito indica un volume di fondi più elevato e una liquidità sufficiente.

Più vecchio è il fondo, più informazioni riceverai come investitore sulle performance passate del tuo potenziale titolo. L’ETF dovrebbe avere almeno 5 anni per ottenere dati sufficienti e affidabili.

Tuttavia, questo non significa che gli ETF siano sempre migliori quando sono vecchi. Ad esempio, un ETF vecchio può anche offrire una performance scadente. Tuttavia, l’età può avere dei vantaggi e dare degli spunti. Se un ETF è relativamente vecchio ma ha solo un piccolo volume di fondi, questo potrebbe essere considerato un’indicazione di chiusura e quindi un investimento non conveniente.

Piano di risparmio o investimento una tantum?

A seconda del tuo obiettivo di investimento, devi innanzitutto verificare se il tuo ETF è idoneo o meno per un piano di risparmio. Tuttavia, se vuoi fare solo un investimento una tantum, non devi considerare questo aspetto.

Un piano di risparmio azionario per risparmiare in uno o più ETF ha i suoi vantaggi. Se crei un piano di risparmio regolare, non devi preoccuparti del momento giusto per iniziare.

  • Con un piano di risparmio, ad esempio, verserai ogni mese sul tuo conto deposito, automaticamente e senza alcuno sforzo aggiuntivo.
  • Non è necessario selezionare l’ora esatta.
  • A causa di molti piccoli pagamenti, il prezzo si avvicina a una media, che è anche chiamata effetto costo-media.

Un altro vantaggio è che puoi risparmiare regolarmente e automaticamente e lavorare per costruire il tuo patrimonio, anche partendo da somme molto piccole. Non dovrai aspettare di aver risparmiato una grossa somma di denaro, ma potrai iniziare subito.

Tuttavia, se hai dei beni ereditati che vuoi investire, spesso vale la pena fare un versamento una tantum. In questo modo, i tuoi beni possono iniziare a lavorare per te fin da subito e generare rendimenti. Tuttavia, devi prestare attenzione al momento dell’ingresso per evitare di acquistare a un prezzo molto alto. Se il pagamento è elevato, questo può influire sui tuoi rendimenti futuri.

I piani di risparmio sono spesso offerti gratuitamente. Quindi, prima di scegliere un titolo specifico, valuta se un risparmio regolare o un pagamento unico è più adatto alla tua strategia finanziaria.

Banner - Freedom24
93/100
Punti
Accesso agli ETF statunitensi che nessun altro broker europeo offre
Trading super economico su 15 borse in tutto il mondo
Fino al 6,39% annuo per depositi in Euro e fino all'8,76% in USD
AL FORNITORE*

La giusta selezione dell’ETF – a seconda della strategia

Molti aspetti personali giocano un ruolo nella tua decisione, per questo motivo dovresti sviluppare una strategia di investimento prima di scegliere un ETF specifico.

Forse ti starai chiedendo “Quanto sono sicuri gli ETF?”. Questa domanda si basa sul tuo profilo di rischio personale. Sei una persona che si innervosisce rapidamente o riesci a mantenere la calma anche di fronte a forti oscillazioni?

Se sei interessato a investimenti sicuri e vuoi risparmiare in un ETF, è consigliabile un alto livello di diversificazione. Questo significa investire in un titolo con il maggior numero possibile di azioni di diversi paesi e settori per ridurre in modo significativo i rischi potenziali.

Se investi solo in una o poche azioni, è possibile che si verifichi un’insolvenza e che tu perda ingenti somme di denaro. Se invece investi in diverse centinaia di azioni, è molto improbabile che questo accada. Il tuo portafoglio è bilanciato, il rischio è distribuito su molte società diverse e il rischio complessivo è notevolmente inferiore.

  • Se hai già creato un portafoglio di base ampiamente diversificato e sei pronto ad assumerti dei rischi per ottenere un rendimento più elevato, potresti essere interessato a titoli completamente diversi.
  • Gli ETF tematici si concentrano spesso su idee e tecnologie innovative e potrebbero essere più adatti a te.
  • Tuttavia, sono molto meno diversificate e quindi più rischiose.

Questo esempio dimostra quanto sia importante analizzare la tua strategia di investimento e scoprire esattamente per cosa vuoi risparmiare, quando vuoi raggiungere il tuo obiettivo e quanto rischio puoi tollerare. Queste risposte avranno un grande impatto sulle tue scelte di investimento.

È bene sapere che:

L’indice MSCI World, ad esempio, investe nelle 1.600 aziende più importanti dei paesi industrializzati ed è una scelta molto popolare. Con un solo ETF puoi investire in numerose società di diversi settori e paesi. Questo ti permette di ridurre significativamente il rischio del tuo investimento.

Seleziona l'ETF

Il domicilio del fondo: importante per la selezione dell’ETF?

Il luogo in cui l’ETF è stato lanciato è chiamato domicilio del fondo. Anche questo aspetto gioca un ruolo importante. Non tutti gli ETF esistenti sono autorizzati in Germania e possono essere negoziati nelle borse nazionali.

Siamo interessati soprattutto agli ETF europei. Puoi riconoscerli facilmente dall’abbreviazione “UCITS” presente nel loro nome. Le sedi più frequenti dei fondi sono, ad esempio, l’Irlanda o il Lussemburgo, per via dei vantaggi fiscali e delle normative legali. Esistono anche ETF lanciati in Germania.

  • UCITS sta per “Undertakings for Collective Investments in Transferable Securities” (organismi di investimento collettivo in valori mobiliari).
  • In Germania è più comunemente utilizzato il termine UCITS, che significa “Organismo di Investimento Collettivo in Valori Mobiliari”.
  • Queste direttive europee hanno lo scopo di garantire una migliore protezione degli investitori.
  • Possono essere negoziati solo gli ETF che soddisfano i regolamenti.
Banner - Scalable Broker Capital
98/100
Punti
1.300 ETF adatti ai piani di risparmio
controllata dalla BaFin
Ottieni fino a 50€ di bonus iniziale su Scalable Capital fino al 31/01.
AL FORNITORE*

Conclusione: scegliere l’ETF giusto

Se sei alle prime armi con gli investimenti o con i fondi negoziati in borsa, la scelta può sembrare un po’ opprimente. Tuttavia, se ti prendi il tempo necessario per familiarizzare con gli aspetti citati, potrai acquisire rapidamente le tue conoscenze e trovare l’ETF perfetto per te.

Presta attenzione a dati importanti come la tracking difference, il total expense ratio, la sede del fondo, il tipo di distribuzione o il metodo di replica. Assicurati anche che il volume del fondo sia sufficientemente elevato e che l’ETF sia più vecchio e quindi abbia già avuto modo di affermarsi sul mercato.

È inoltre importante che tu analizzi in anticipo la tua strategia finanziaria. Questo include gli obiettivi esatti e il modo in cui vuoi raggiungerli. Una volta che avrai affrontato questi aspetti nel dettaglio, nulla potrà andare storto nella scelta dell’ETF! Per saperne di più sui “migliori ETF”, sui “tassi di interesse degli ETF” o sui “rischi degli ETF”, clicca qui.

FAQ – Domande frequenti

Il nostro autore

Aleks Bleck è il volto di Northern Finance e già all'età di 18 anni era azionista, prestatore e investitore di ETF. La sua attenzione si concentra sui prestiti P2P e sugli ETF passivi. Aleks ha fondato Northern Finance nel 2017 mentre studiava economia aziendale a Lüneburg.

Ha creato il canale YouTube parallelamente al suo lavoro principale nell'investment e corporate banking prima di concentrarsi finalmente su Northern Finance a tempo pieno.

L’esperienza con Trade Republic 2024 e i lati negativi del neobroker

Essendo probabilmente il neobroker più conosciuto sul mercato tedesco, Trade Republic ha molti fan. Non c’è da stupirsi, visto che in genere qui si ottengono condizioni eccellenti e un’ampia scelta! Ora l’azienda sta facendo il logico passo successivo e si sta espandendo in altri paesi dell’UE. Tuttavia, l’offerta non è perfetta e in alcuni punti […]

Per saperne di più
Scalable Capital vs. Trade Republic: Chi ha le offerte migliori?

Sono i neo-broker più economici sul mercato tedesco e pagano anche gli interessi sul tuo capitale, ma chi è meglio? Scalable Capital vs Trade Republic è la domanda che molti investitori si pongono! Abbiamo analizzato da vicino i due provider più popolari e ne abbiamo confrontato le funzioni, i costi e i servizi. Abbiamo anche […]

Per saperne di più
L’esperienza con Fintown: Ottenere rendimenti con le proprietà in affitto

Sei interessato a investire in immobili, ma non sai come fare? Potresti anche essere alla ricerca di investimenti ad alto rendimento con rendimenti medi del 10-14%. In questo articolo ti mostrerò la mia esperienza con Fintown, cosa dovresti considerare e quali sono i vantaggi e gli svantaggi! Aspetti rilevanti: Sei alla ricerca di un investimento […]

Per saperne di più
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram