Thumbnail - Top 10 Dividenden ETFs mit hoher Ausschüttung_ITA

I 10 migliori ETF sui dividendi con payout elevati

Soprattutto in tempi di aumento dei tassi di interesse, i dividendi stanno diventando sempre più importanti per il successo di un investitore. Per questo motivo, nell’articolo di oggi ti presento i 10 migliori ETF a dividendo con payout elevati.

Ecco di cosa si tratta:

  • Quali criteri sono stati utilizzati per valutare i 10 migliori ETF sui dividendi?
  • Cosa sono i dividendi e quali sono le tipologie?
  • Perché anche i titoli di Stato sono inclusi nella classifica?
  • E quale ETF sui dividendi è il più interessante nella situazione attuale?

3 Criteri di valutazione dell’ETF

Nel valutare i vari ETF, ho preso in considerazione 3 criteri fondamentali. Vediamo quali sono.

1) Alto rendimento da distribuzione: affinché un ETF venga incluso nella classifica dei dividendi, deve essere un ETF a distribuzione. Il rendimento di distribuzione deve essere relativamente alto. A tal fine ho scelto un periodo di un anno.

2) Volume di gestione di 100 milioni di euro: un ETF è redditizio per i provider solo se gestisce un volume minimo di 100 milioni di euro. In caso contrario, c’è il rischio che l’ETF venga nuovamente chiuso dopo poco tempo.

3) TER e TD: utilizziamo il TER (Total Expense Ratio) per valutare il rapporto di spesa totale, ossia i costi sostenuti al momento dell’acquisto. Utilizziamo anche il TD (tracking difference) per valutare la misura in cui l’ETF si discosta dall’indice sottostante.

Oltre agli ETF azionari, questa volta sono stati inclusi nella valutazione anche gli ETF obbligazionari. A rigore, questi non pagano dividendi ma interessi, ma nella situazione attuale in cui ci troviamo sono almeno altrettanto interessanti. Cominciamo con la classifica dei 10 migliori ETF a dividendo.

Cosa sono i dividendi e quali sono le tipologie?

I dividendi rappresentano una parte degli utili che le società distribuiscono ai propri azionisti. Se possiedi azioni di una società, di solito riceverai i dividendi, a patto che la società sia redditizia e decida di distribuirli ai suoi azionisti. I dividendi sono quindi una forma di partecipazione agli utili e un importante incentivo per investire in azioni.

Esistono due tipi principali di dividendi: i dividendi in contanti e i dividendi in natura. I dividendi in contanti, la forma più comune, vengono pagati in contanti direttamente sul tuo conto di deposito.

Il dividendo in natura è meno comune. In questo caso, invece di un pagamento in denaro, ricevi un beneficio non monetario, ad esempio sotto forma di azioni aggiuntive della società.

L’entità e la frequenza dei dividendi possono variare notevolmente da società a società. Alcune pagano i dividendi trimestralmente, altre semestralmente o annualmente. Le società possono anche sospendere il pagamento dei dividendi in caso di perdite o se hanno bisogno di denaro per gli investimenti.

1. ETF: SPDR Bloomberg US TIPS

L’SPDR Bloomberg US TIPS ETF è un ETF che molti investitori non hanno nel loro radar, ma che attualmente potrebbe essere di grande interesse per molti. L’ETF prende il nome di “TIPS” dal fatto che si occupa di obbligazioni governative statunitensi legate all’inflazione – i cosiddetti “Treasury Inflation Protected Securities”.

Per gli investitori, questo significa che se l’inflazione aumenta negli Stati Uniti, i rimborsi e gli interessi aumenteranno dello stesso importo. L’ETF è quindi completamente protetto dall’inflazione. Questo rende l’SPDR Bloomberg US TIPS particolarmente interessante nell’attuale contesto di alta inflazione. Inoltre, il dollaro USA è attualmente molto più forte dell’euro, soprattutto a causa della crisi del gas, che non ha colpito gli Stati Uniti.

Gli investitori in euro acquistano quindi il fondo negoziato in euro e successivamente ricevono il reddito in dollari USA, che molto probabilmente si apprezzeranno rispetto all’euro nel breve e medio termine.

L’ETF SPDR Bloomberg US TIPS detiene obbligazioni governative statunitensi con una scadenza media di 8 anni. I costi ammontano allo 0,17% e la tracking difference è dello 0,18%. Ciò significa che l’ETF segue l’indice in modo leggermente peggiore rispetto a quanto indicato dal Total Expense Ratio (TER).

L’ETF gestisce circa 380 milioni di euro e distribuisce dividendi ogni sei mesi, con un rendimento attuale del 4,92%.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
Bonus: azioni gratuite fino a 200€
AL FORNITORE*

2. ETF: MSCI World Energy Sektor

L’MSCI World Energy Sector ETF acquista azioni di società energetiche dei paesi industrializzati. L’Exchange Traded Fund contiene un totale di 55 società. Le 10 posizioni più importanti rappresentano ben il 58%, vale a dire molto più della metà. Tra queste figurano fornitori di energia tradizionali come Exxon, Chevron e Shell.

L’ETF MSCI World Energy Sector ha un TER dello 0,25% e un TD del -0,55%. È quindi molto più favorevole di quanto suggerisca il TER.

Nell’ultimo decennio le aziende del settore petrolifero e del gas hanno registrato performance negative, decisamente peggiori rispetto al mercato nel suo complesso. Tuttavia, grazie all’attuale forte aumento dei prezzi, che non sembrano destinati a riprendersi presto, i profitti di queste società sono attualmente alle stelle.

A luglio di quest’anno c’è stata una brusca battuta d’arresto dei prezzi. Gli investitori che continuano a scommettere sull’aumento dei prezzi del petrolio e del gas possono attualmente investire a prezzi leggermente più vantaggiosi.

Con un rendimento da dividendo del 5,13%, l’MSCI World Energy Sector ETF può essere attualmente un investimento interessante per molti investitori.

3. ETF: Invesco Morningstar US Energy Infrastructure MLP

Con l’Invesco Morningstar US Energy Infrastructure MLP ETF, gli investitori investono nelle cosiddette “Master Limited Partnership” (MLP). Queste MLP investono nel settore delle infrastrutture energetiche negli Stati Uniti.

L’ETF, che gestisce 230 milioni di euro, offre attualmente agli investitori un rendimento da dividendo dell’8,6%, molto elevato. Il TER è dello 0,5%.

Tuttavia, non devi lasciarti ingannare da questo dato, perché non ha un rendimento così elevato come potrebbe sembrare a prima vista, in quanto si tratta di un ETF sintetico.

Ciò significa che, sebbene l’ETF segua un indice, non acquista effettivamente i titoli sottostanti. Si tratta del cosiddetto “swap non finanziato”: la promessa del fornitore Invesco di pagare i rendimenti ai suoi investitori. Ma fino a quando ciò non avverrà, Invesco potrà operare con questo denaro in modo del tutto arbitrario.

L’ETF sintetico è soggetto a una commissione di swap dello 0,75% annuo, oltre al TER dello 0,5% e al TD dell’1,16%.

L’Invesco Morningstar US Energy Infrastructure MLP ETF offre un rendimento da dividendo molto interessante. Tuttavia, in qualità di investitore a lungo termine, non considero questo ETF come un fondo sintetico, in quanto non acquista nemmeno i titoli sottostanti. Purtroppo, anche tutte le alternative a questo exchange traded fund sono sintetiche.

4° ETF: SPDR S&P US Dividend Aristocrats

L’SPDR S&P US Dividend Aristocrats acquista le posizioni delle 1.500 maggiori società statunitensi che hanno ottenuto dividendi in crescita negli ultimi 20 anni consecutivi.

I costi sono dello 0,35%. Il TD è pari a -0,06%. Le 10 posizioni più importanti dell’SPDR S&P US Dividend Aristocrats includono aziende famose come IBM ed Exxon, ma anche aziende meno conosciute come Leggett & Platt, che produce sia letti che parti di automobili.

Con il 2,3%, il rendimento della distribuzione è significativamente più basso rispetto a quello di altri fondi negoziati in borsa, ma è ancora più affidabile e non si ridurrà – caratteristiche di un aristocratico dei dividendi.

5. ETF: Fidelity Global Quality Income

Il Fidelity Global Quality Income ETF investe in 235 società che pagano dividendi nel mondo sviluppato, principalmente negli Stati Uniti. L’aspetto positivo di questo ETF è che le prime 10 posizioni rappresentano solo il 15% dell’intero ETF.

Con un Total Expense Ratio (TER) dello 0,4% e una Tracking Difference (TD) dello 0,1%, l’ETF sta ottenendo risultati nettamente superiori alle aspettative. L’attuale rendimento di distribuzione del Fidelity Global Quality Income ETF è del 2,8%, con un dividendo in costante aumento negli ultimi anni.

6. ETF: iShares European Property Yield

L’iShares European Property Yield investe in società immobiliari quotate e in REIT (Real Estate Investment Trust) europei, ad eccezione del Regno Unito. Ha un TER dello 0,4% e un TD negativo del -0,19% annuo. Il dividendo previsto è del 2%.

Con solo 53 posizioni, l’iShares European Property Yield è relativamente piccolo. Le prime 10 società rappresentano il 56% dell’intero ETF, guidate da Vonovia con il 21%. Gli investitori sono quindi molto dipendenti da pochi fornitori.

Inoltre, l’iShares European Property Yield ETF investe prevalentemente in Europa occidentale, quindi non in modo così ampio come suggerisce il nome. La ripartizione per regione mostra che la maggior parte è investita in Germania e quasi nulla in paesi come la Spagna o l’Austria.

A causa dell’aumento dei tassi di interesse, negli ultimi mesi le valutazioni dell’iShares European Property Yield sono scese in modo significativo. Chiunque creda nel successo a lungo termine dell’immobiliare può attualmente assicurarsi un rendimento di distribuzione del 3,43%.

7. ETF: Asia Property Yield

Continuiamo con l’alternativa asiatica all’iShares European Property Yield, l’Asia Property Yield ETF. Investe in società immobiliari dei paesi asiatici industrializzati con un dividend yield del 2% o superiore.

Attualmente gli investitori pagano lo 0,59% con una differenza di inseguimento dello 0,56%, ossia un prezzo più o meno pari a quello indicato dal rendimento atteso della distribuzione.

Al 3,19%, il rendimento di distribuzione dell’Asia Property Yield ETF è quasi pari a quello della versione europea, ma senza la perdita di prezzo degli ultimi mesi.

L’ETF contiene un totale di 117 azioni, di cui le prime 10 posizioni rappresentano il 33% – una percentuale significativamente inferiore a quella europea.

Nonostante i vantaggi dell’Asia Property Yield ETF, uno svantaggio è la sua diversificazione geografica. Questo non è affatto scontato, quindi la maggior parte dei risultati dipende dagli sviluppi in Giappone e a Hong Kong.

A causa della scarsa diversificazione e della crescente perdita di indipendenza di Hong Kong, non investirei in questo fondo negoziato in borsa.

8. ETF: iShares Asia Pacific Dividend

L’iShares Asia Pacific Dividend investe nei 50 titoli con i più alti pagamenti di dividendi nelle economie sviluppate della regione Asia/Pacifico. Si noti che la Cina non è considerata un paese sviluppato, ma solo la sua zona economica speciale di Hong Kong.

I costi dell’ETF sono dello 0,59% con un TD del -0,11%. Il rendimento della distribuzione è del 6%. Se dai un’occhiata alle prime 10 posizioni, ti renderai subito conto che provengono principalmente da tre paesi: Australia, Giappone e Hong Kong.

La piccola quota della Cina può essere spiegata dal fatto che alcune società cinesi, in questo caso il 2%, sono quotate a Hong Kong ma operano in Cina.

9. ETF: Invesco FTSE EM High Dividend Low Volatility

Fedele al suo nome, l’Invesco FTSE EM High Dividend Low Volatility ETF investe nei mercati emergenti in società che pagano dividendi con la volatilità più bassa.

Costa lo 0,49% e ha un TD dello 0,22%. In totale sono inclusi 92 titoli. È interessante notare che c’è un altro titolo nelle prime 10 posizioni. Non ho mai visto nulla di simile!

La Cina è il mercato più grande, con una quota del 30%. Tuttavia, il focus settoriale è ben diversificato: i settori più importanti – materie prime e istituzioni finanziarie – rappresentano ciascuno il 15%. Il rendimento da dividendo è un interessante 7,92%.

10. ETF: xTrackers High Yield Corporate Bond

Anche l’xTrackers High Yield Corporate Bond è un’obbligazione e quindi, a rigore, non paga dividendi ma interessi. Tuttavia, questo ETF potrebbe essere estremamente interessante in questo momento.

Gli investitori in questo Exchange Traded Fund investono nelle obbligazioni societarie più grandi e liquide con un rating inferiore a investment grade.

Tra queste obbligazioni ci sono diverse categorie e società come Unicredit, Thyssenkrupp o Deutsche Bank. Si tratta di società che presentano un rischio più elevato e, di conseguenza, tassi di interesse più alti.

L’ETF xTrackers High Yield Corporate Bond è molto diversificato. Le prime 10 posizioni rappresentano solo il 4,58%. Contiene un totale di 665 titoli, per i quali gli investitori pagano lo 0,2% con un TD dello 0,23%.

La durata media è di 3,22 anni e il rendimento della distribuzione è attualmente del 4,56%. Nonostante la breve durata e il dividendo stabile, non investirei ancora in questo fondo negoziato in borsa, poiché è molto probabile che i tassi di interesse di riferimento aumentino ulteriormente, sia in Europa che negli Stati Uniti. Ciò significa che le obbligazioni attuali perderebbero valore rispetto a quelle future.

Ciononostante, l’ETF xTrackers High Yield Corporate Bond rimane sicuramente nella mia watchlist.

Banner - Trade Republic
95/100
Punti
Applicazione molto buona
Azioni e piani di risparmio a partire da 1€
Bonus: azioni gratuite fino a 200€
AL FORNITORE*

ETF sui dividendi: ecco i 10 migliori

Abbiamo messo a confronto un’ampia gamma di ETF sui dividendi. Ma quale di questi ETF è il migliore in termini di dividendi pagati? Per me, le obbligazioni governative statunitensi legate all’inflazione sono le vincitrici assolute. In questo caso si tratta dell’SPDR Bloomberg US TIPS. In particolare, gli investitori che prevedono una recessione imminente possono trarre vantaggio da questo tipo di titoli di stato statunitensi e da un euro che si sta contemporaneamente deprezzando.

Il nostro autore

Aleks Bleck è il volto di Northern Finance e già all'età di 18 anni era azionista, prestatore e investitore di ETF. La sua attenzione si concentra sui prestiti P2P e sugli ETF passivi. Aleks ha fondato Northern Finance nel 2017 mentre studiava economia aziendale a Lüneburg.

Ha creato il canale YouTube parallelamente al suo lavoro principale nell'investment e corporate banking prima di concentrarsi finalmente su Northern Finance a tempo pieno.

L’esperienza con Trade Republic 2024 e i lati negativi del neobroker

Essendo probabilmente il neobroker più conosciuto sul mercato tedesco, Trade Republic ha molti fan. Non c’è da stupirsi, visto che in genere qui si ottengono condizioni eccellenti e un’ampia scelta! Ora l’azienda sta facendo il logico passo successivo e si sta espandendo in altri paesi dell’UE. Tuttavia, l’offerta non è perfetta e in alcuni punti […]

Per saperne di più
Fondo di risparmio per i principianti 2024

Stai cercando un modo per aumentare i tuoi rendimenti, per risparmiare per i tuoi figli o per fare delle riserve per la vecchiaia e assicurarti una pensione senza preoccupazioni? I fondi potrebbero essere adatti a te e alla tua strategia di investimento. In questo articolo vediamo cosa sono i fondi, quali vantaggi e svantaggi offrono […]

Per saperne di più
Scalable Capital vs. Trade Republic: Chi ha le offerte migliori?

Sono i neo-broker più economici sul mercato tedesco e pagano anche gli interessi sul tuo capitale, ma chi è meglio? Scalable Capital vs Trade Republic è la domanda che molti investitori si pongono! Abbiamo analizzato da vicino i due provider più popolari e ne abbiamo confrontato le funzioni, i costi e i servizi. Abbiamo anche […]

Per saperne di più
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram